20 November 2019 Seminars

09:30 - 10:00

Approccio formulativo e valutativo per nuovi mascara

Le grandi aspettative dei consumatori nei confronti delle prestazioni dei mascara e la complessità delle formulazioni spingono la richiesta continua di sviluppo di formule innovative e nuovi scovolini. È necessario adottare una strategia combinata per la selezione e l’adeguata combinazione degli ingredienti responsabili delle strutture del mascara, a partire dalle tre categorie principali: cere, polimeri filmogeni e filler. Le cere ad alto punto di fusione devono essere utilizzate ad alta percentuale per ottenere un effetto allungante, tramite la creazione di un film duro e sottile; una cera a basso punto di fusione come quella del tè è più adatta per l'effetto volumizzante, conferendo al prodotto una consistenza cremosa e uno spessore del film sulle ciglia maggiore. L’effetto incurvante può essere ottenuto con cere più plastiche, che consentono di mantenere la forma delle ciglia. I filmogeni sono fondamentali per potenziare l’effetto allungante, la definizione e la resistenza all’acqua, ma, in generale, accelerano il tempo di asciugatura: questa proprietà può essere sfruttata nella combinazione tra polimeri e cere secondo il criterio di reciproca compensazione, vale a dire per colmare le rispettive mancanze e i benefici. Le formule semi-definitive possono essere completate con i filler, che esercitano diverse funzioni a seconda delle loro proprietà fisiche, ad esempio il miglioramento dell’effetto volumizzante, ma l'identificazione del corretto equilibrio tra tipo e quantità di polvere riempitiva, facilità di applicazione e viscosizzazione della formula richiede un approccio sperimentale e applicativo.

Speaker

09:40 - 10:00

5 MACRO TREND DA CONOSCERE PER IL 2020

Speaker

09:45 - 10:00

Conferenza SICC – Apertura

Speaker

09:50 - 10:10

Univar – L’integrità dei capelli: Un approccio olistico alla salute e allo styling nel nuovo contesto urbano

I consumatori sono sempre più preoccupati delle conseguenze dell'esposizione a fattori ambientali come l'inquinamento UV o urbano, alla ricerca di soluzioni per il mantenimento della bellezza dei capelli.Questa presentazione mette in evidenza i vantaggi di specifiche tecnologie siliconiche nel ridurre l'impatto dell'inquinamento ambientale sui capelli, oltre alle loro altre consolidate prestazioni di cura dei capelli. Sono presentate quattro formulazioni che aiutano a mantenere un tocco e un aspetto sano dei capelli nonostante l'esposizione quotidiana.
Inoltre, verrà introdotto MaizeCare ™ Style, un nuovo fissativo per capelli a base biologica al 100% di origine naturale, con prestazioni che rispondono alle esigenze di stile dei consumatori, da morbido a rigido, in una serie di consistenze innovative.

Speaker

10:00 - 10:25

Cosmetica Italiana: EVOLUZIONE INDICATORI ECONOMICI DELL’INDUSTRIA E DEL MERCATO

Speaker

10:00 - 10:25

Il Microbioma cutaneo e le sue variazioni durante il processo di invecchiamento

L’insieme di microrganismi in grado di vivere in modo simbiontico con l’organismo umano senza danneggiarlo è definito microbiota. Diversamente da quanto si pensava in passato, il microbiota è in grado di apportare diversi benefici, ad esempio costituisce una barriera di protezione nei confronti di specie batteriche nocive. Questa condizione di equilibrio che si viene a creare tra le due parti è detta eubiosi, mentre la sua alterazione è chiamata disbiosi e può portare all’insorgenza di condizioni patologiche.
Ogni distretto corporeo è associato a una specifica comunità microbica, determinando così la distinzione di diversi tipi di microbiota, tra i quali quello cutaneo rappresenta quello di maggior interesse per l’industria cosmetica.
Il microbiota è un sistema dinamico che varia nel tempo a causa dell’influenza di diversi fattori: parametri ambientali (inquinamento, esposizione ai raggi UV), fattori fisiologici (pH, temperatura e condizioni ormonali), etnia, genere, stile di vita ed età. In particolare, diversi studi hanno dimostrato che il microbiota cutaneo varia in relazione alle varie fasce d’età: nel neonato la sua composizione è strettamente legata a quella materna e dipende anche dal tipo di parto, nel periodo della pubertà è influenzato dalla componente ormonale, si raggiunge una condizione di stabilità nell’adulto mentre nell’anziano cambia nuovamente a causa del calo delle difese immunitarie e per la variazione ormonale (ad esempio la condizione di menopausa della donna).

Speakers

10:00 - 10:30

Make Up: Formulazioni avanzate, valutazioni di efficacia e strategie di supporto ai claim

Nell’era della cosmesi moderna è già ben noto il ruolo di utilità sociale e psicologica dei prodotti per il make-up.  La recente trasformazione da prodotti di pura decorazione a sistemi altamente funzionali ha reso necessaria da un lato, l’evoluzione della strategia formulativa, e dall’altro la ricerca di protocolli sperimentali di efficacia a supporto di nuove performance e funzionalità. Descriveremo l’approccio metodologico strumentale, clinico e sensoriale utilizzabile per studi formulativi e di efficacia a supporto dei claim dei nuovi prodotti per make-up.

Speaker

10:10 - 10:30

Brenntag – Relazione tra analisi sensoriale sui capelli e misurazione dei parametri della schiuma mediante strumentale: Dynamic Foam Analyzer – DFA 100

I detergenti per capelli e in particolare gli shampoo liquidi devono affrontare importanti sfide tecniche per adattarsi alle aspettative dei consumatori, ma devono anche soddisfare ulteriormente quelle inespresse. Anche i criteri principali da considerare e valutare sono l'aspetto visivo, la consistenza della schiuma e il tocco dei capelli dopo il risciacquo. Il metodo più rilevante per valutare le prestazioni sensoriali dello shampoo è la valutazione sensoriale => per valutare i diversi attributi sensoriali => ha bisogno dell'aiuto di un gruppo di giudici esperti. Tuttavia, questo metodo richiede tempo e non è rilevante per lo sviluppo del prodotto / necessita di dati per garantire la sicurezza. Pertanto, si preferisce un'indagine strumentale per risparmiare tempo nello screening della formulazione. Lo scopo del presente studio è di studiare il profilo sensoriale di 3 shampoo formulati con un solo cambio di ingrediente. L'obiettivo era studiare la sostituzione di 2 comuni silicone sulle prestazioni sensoriali della schiuma.

Speaker

10:10 - 10:30

Correlazione tra analisi sensoriale sui capelli e misurazione dei parametri della schiuma di Instrumental: Dynamic Foam Analyzer (IT)

Speaker

10:30 - 10:55

Corneoterapia come target della cosmesi nel skin aging

Il termine corneoterapia, si riferisce a una terapia dello strato corneo che produce effetti visibili persistenti. Questo tipo di terapia funziona dall'esterno verso l'interno, ripristinando lo strato corneo e i suoi sistemi di difesa, ottenendo così il miglioramento dell'intero tessuto nel suo complesso e proteggendolo da sostanze nocive come radiazioni UV, inquinamento, fattori importanti nel processo d’invecchiamento.
Essa si basa sul principio di ristabilire l'equilibrio della nostra pelle, di recuperare la integrità della funzione barriera che può deteriorarsi a causa di vari fattori esterni. La corretta manutenzione dello strato corneo è il più grande antiageing. Infatti due sono i suoi scopi fondamentali:
1. Mantenere integri i sistemi di difesa, ovvero strato corneo e barriera cutanea
2. Prevenire o ridurre l’infiammazione e l’invecchiamento
Si tratta di utilizzare delle sostanze utili per la stimolazione delle attività cellulari della pelle come gli attivi esfolianti (micro) per aumentare la velocità di eliminazione delle cellule “vecchie” e gli attivi “bio-mimetici” cioè composti chimici che mimano la funzione barriera per riattivare il processo di rinnovo cellulare. La Corneoterapia sta diventando sempre più popolare, grazie alla reale efficacia dei trattamenti che sposano questa filosofia. Esiste anche una associazione internazionale: International Association for Applied Corneotherapy (I.A.C.) che raccoglie dati e studia le nuove frontiere di questa efficace metodologia.

Speaker

10:30 - 10:55

Cosmesi conto terzi: ECCELLENZA SILENZIOSA DEL MADE IN ITALY, TRA SFIDE E OPPORTUNITÀ

Dietro le quinte dell’industria cosmetica, a monte della filiera, si nasconde un comparto chiave della cosmesi made-in-Italy: il contoterzismo, che nel 2018 ha presentato nuovamente una dinamica di crescita (+4%) superiore rispetto agli altri canali tradizionali, per un valore di oltre 1.500 milioni di euro.

Non più semplici fornitori, bensì total solution providers, i terzisti sviluppano il prodotto dalla formulazione fino al packaging, sono esperti in R&D, si occupano dell’industrializzazione e del processo produttivo, dell’aspetto regolatorio, proponendosi ai brand come partner flessibili in grado di ideare e realizzare prodotti customizzati e ready-to-market. Questa è la vision che ha fatto il successo dell’outsourcing in cosmesi, con l’imprenditore Dario Ferrari apripista già negli anni ‘70.

La distribuzione geografica del fatturato generato dalle imprese cosmetiche terziste attesta il primato della Lombardia, che ne rappresenta l’80,6%. Per questo motivo si parla di “Cosmetic Valley”, area in cui si è sviluppato un fiorente cluster di unità manifatturiere. La concentrazione territoriale caratterizza la produzione, ma non certo la vendita: i terzisti italiani, apprezzati in tutto il mondo per la qualità del loro servizio, sono esportatori per vocazione e oltre l’80% dei loro ricavi deriva da vendite all’estero. Se si considera la macro-categoria del make-up, per citare un esempio, più della metà del trucco venduto sul mercato globale proviene proprio nel nostro Paese, percentuale che in Europa raggiunge quota 65%.

Nonostante gli importanti risultati, la cosmesi conto terzi è ancora una dimensione sconosciuta al grande pubblico, e meriterebbe più riconoscimento da parte degli stakeholder. Come valorizzare questa eccellenza “silenziosa”? Politiche economiche e industriali favorevoli, sostegno all’internazionalizzazione, rafforzamento della reputation: attraverso queste vie d’azione la cosmesi made-in-Italy potrà finalmente far sentire la sua voce.

Speaker

10:30 - 10:50

Eurosyn – PolyAquol ™ -LW e PolyAquol ™ -VO4: processo a bassa energia per emulsioni naturali

Anni di ricerca nel campo della chimica del poliglicerolo hanno permesso ad Innovacos di creare una linea di emulsionanti naturali, nota come PolyAquolTM.
Un' attenta selezione e purificazione delle catene di poliglicerolo e di acidi grassi, associata ad un profondo know-how di ingegneria molecolare, ha consentito di ampliare la piattaforma formulativa con l' introduzione di due nuovi emulsionanti: PolyAquolTM LW e PolyAquolTM VO4. Entrambi sono stati concepiti per rispondere alla crescente richiesta di formulare emulsioni con processi a bassa energia, "cold" ed ecosostenibili.
PolyAquolTM LW permette di ottenere emulsioni O/A con bassa viscosità e lozioni spruzzabili in processi a freddo. L' origine naturale e la certificazione Cosmos, da una parte, l' assenza di derivati di olio di palma e la possibilità di evitare l’ utilizzo del turbo-emulsore in particolari condizioni, dall' altra, lo rendono un candidato ideale per formulazioni "green" e bio-sostenibili.
PolyAquolTM VO4 si differenzia dai tradizionali emulsionanti A/O, in quanto introduce un nuovo concetto di "Fusion" tra olio e acqua, W+O, che permette di ottenere texture leggere e fresche, tipiche di emulsioni O/A. Questo è reso possibile grazie alla particolare struttura chimica, basata su un esteso polimero naturale, dotato di lunghe catene poligliceroliche idrofile in grado di incorporare elevati quantitativi di fase acquosa (>80%). Oltre ad essere “Cosmos approved”, PolyAquolTM VO4 riesce ad emulsionare fasi lipidiche completamente costituite da oli vegetali. Può essere usato anche a concentrazioni molto basse, a partire dal 2%, superando i competitors in termini di stabilità e sensorialità delle emulsioni ottenute.

Speaker

10:30

Live Demo 10:30 – La microbiologia nella cosmetica: cosa sta cambiando?

Molto più di quello che possiamo immaginare! Così durante questo intervento cercheremo di fornire tutti gli elementi per avere un quadro esaustivo partendo da:

  •  Aspetti regolatori e normativi

Proseguendo con:

  •  Microbiologia dove (quali processi; quali prodotti), come (quale le tecnologie a nostra disposizione per l’identificazione) e quando (la strategia di processo)

Speaker

10:50 - 11:10

Lucas Meyer Cosmetics – Fosfolipidi per migliorare i cosmetici naturali del colore: quando la natura, la consistenza e la performance soddisfano

La scelta di un ingrediente in un prodotto cosmetico è determinata da una serie di elementi, tra cui le sue proprietà tecniche, sensoriali ed efficaci. Nel trucco, il comportamento di un ingrediente con pigmenti è ancora più importante.
I fosfolipidi offrono soluzioni naturali ed efficienti con le loro potenti proprietà emulsionanti insieme a efficienti proprietà biologiche e ai loro caratteristici fosfolipidi al tocco ".
Nel trucco, i fosfolipidi possono essere usati per disperdere i pigmenti in modo efficace e naturale. I loro effetti idratanti e ristrutturanti li rendono utili per creare trucchi per il trucco attivi, con una sensazione di pelle elegante e confortevole.
Vieni a scoprire come i fosfolipidi possono migliorare la tua formulazione per il trucco!

Speaker

11:00 - 11:30

IL PROFUMO CON LEONARDO

 

Rifacendoci ai principi di apprendimento di Leonardo Da Vinci, un metodo per apprendere in rapidità i segreti, gli aneddoti, le curiosità del profumo. Una sorta di seminario olfattivo in 20 minuti

Un percorso che ci porterà ad una maggiore consapevolezza del nostro olfatto. Un percorso per “vedere”, “percepire”, “sentire” meglio tutto ciò che ci circonda.

Speaker

11:00 - 11:25

L’esposoma cutaneo: come prevenire lo skin aging. Dalla natura due principi attivi antiossidanti efficaci nel limitare lo stress ossidativo e l’inflammaging, due processi che alterano l’equilibrio fisiologico dei tessuti

La nostra pelle è fin dalla nascita esposta a diversi stimoli ambientali.
E’ stato definito esposoma cutaneo quell’insieme di fattori esogeni a cui la pelle viene quotidianamente sottoposta e sollecitata.
Gli stimoli più comuni sono: le radiazioni solari, l’inquinamento, il fumo, l’alimentazione, il sonno, la temperatura, nonché i prodotti cosmetici.
Tali fattori sono responsabili della produzione di specie reattive dell’Ossigeno (ROS) con conseguente attivazione a cascata dello stress ossidativo.
Ciò comporta la liberazione di alcuni mediatori (citokine e leucotrieni) che scatenano a loro volta processi infiammatori a livello cutaneo.
Da qui nasce l’importanza di prevenire e rallentare l’inflamaging* per assicurare invece un invecchiamento fisiologico definito nel linguaggio comunicativo well-ageing.
*Without being named, the syndrome of inflammaging had been described in 1977 by Dr Albert Kligman. The father of “invisible dermatoses’’ described the phenomenonas: “when the skin is sick without us seeing it.”
Con un approccio scientifico rivolto alla ricerca di antiossidanti in linea a soddisfare queste esigenze, Prodotti Gianni propone 2 molecole dal forte potere antiossidante: polifenoli da quercia e luteina da microalga.

Speakers

11:00 - 11:30

Live Lab 11:00

11:10 - 11:30

Complife – Capelli, cuoio capelluto e la valutazione tricologica in ambito cosmetico | Hair, scalp and the trichological evaluation in the cosmetic field

La valutazione di efficacia dei prodotti per la cura dei capelli è un approccio specializzato che coinvolge disegni dello studio, tecniche e conoscenze prese in prestito dalla tricologia. A partire dall'approccio ex vivo fino a raggiungere l'approccio in vivo, la presentazione introdurrà le tecniche ed i protocolli di studio attualmente utilizzati in campo cosmetico. I test ex vivo su ciocche di capelli di origine umana sono un potente strumento per lo screening di diverse formulazioni con un approccio conveniente sia in termini di tempo che di costi. L'elasticità, il colore e la struttura dei capelli possono essere valutati con successo utilizzando test ex vivo. Gli studi sull'uomo sono invece il metodo di scelta quando si deve prendere in considerazione l'accettabilità cosmetica del prodotto e l'interazione con la fisiologia del capello e del cuoio capelluto.

Speaker

11:30 - 12:00

Il make-up nel paziente dermatologico

Il make-up nel paziente dermatologico e’ una procedura molto importante in quanto le persone affette da problematiche cutanee spesso non tollerano i normali prodotti cosmetici e molto frequentemente possono sviluppare reazioni avverse quali dermatiti irritative o dermatiti allergiche da contatto. Pertanto i prodotti utilizzati per questo tipo di procedure deve essere attentamente formulati per garantire la massima sicurezza. Spesso il make-up viene utilizzato non solo per curare la pelle e migliorare il proprio aspetto estetico ma anche per coprire eventuali patologie cutanee quali ad esempio la vitiligine, gli angiomi o altri disturbi della pigmentazione

11:30

Live Demo 11:30 – “Production of hair gel”

11:30 - 11:50

Merck – Banish the Microplastics

Oggi, la consapevolezza aumenta sugli effetti negativi della plastica. Le microsfere di micropiastra sono comunemente utilizzate nell'applicazione cosmetica per gli effetti del peeling, ma anche per le proprietà di miglioramento della formulazione, come la sensazione della pelle o il miglioramento della struttura. Il portafoglio di filler funzionali Merck RonaFlair® offre alternative ecocompatibili che vengono utilizzate principalmente come esaltatori di skin e texture. Con una combinazione intelligente di filler funzionali RonaFlair®, è possibile ottenere un effetto flou e una riduzione delle rughe più elevati rispetto a Nylon-12 e PMMA, pur mantenendo le proprietà tattili e la sensazione della pelle liscia.

11:30 - 11:55

Microbioma e cosmetici: attività internazionali

La conoscenza di lunga data degli effetti benefici dei modulatori del microbiota intestinale e l'esperienza di mercato con i probiotici negli alimenti hanno ispirato l'industria cosmetica e un numero crescente di cosmetici viene immesso sul mercato rivendicando influenza sul microbioma cutaneo per ottenere funzioni cosmetiche. Questa crescente tendenza del mercato ha suscitato l'interesse delle autorità di regolamentazione dei cosmetici di tutto il mondo, cosicché l'ICCR (International Cooperation on Cosmetics Regulation) ha considerato i "cosmetici per microbiomi" come un'area per il potenziale sviluppo di linee guida internazionali sulla loro sicurezza, qualità e regolamentazione. Nel 2018 è stato creato un nuovo gruppo di lavoro congiunto a livello di ICCR, con il mandato di esplorare nuovi prodotti e tecnologie cosmetici che influenzano il microbioma della pelle umana. Un numero elevato di partecipanti si è unito al gruppo di lavoro, sia dei paesi membri dell'ICCR che degli osservatori, per testimoniare il crescente interesse per questo argomento in molte giurisdizioni diverse. Come di consueto con il processo di lavoro dell'ICCR, sia i regolatori che l'industria sono rappresentati nel gruppo di lavoro: EFfCI, la Federazione europea per gli ingredienti cosmetici, ha istituito una Task Force interna dedicata a sostenere attivamente il lavoro del gruppo di lavoro dell'ICCR fornendo i suoi contributi. Il risultato di questo sforzo servirà da base per ulteriori lavori e raccomandazioni finali in questo settore.

11:30 - 11:55

Un approccio globale per aggirare gli effetti dannosi della luce blu e delle radiazioni IR-A sulla pelle

V.Bicard-Benhamou, L. Heider, M. Lefort, J. zur Lage, S. Hornung, H. Hanau, A. Kielbassa, J. von Hagen

It remains in minds that photoprotection is mainly a matter of UV protection. However, all solar radiations lead to the formation of radical oxygen species (ROS) and excess free radicals in skin, and herewith contribute to premature skin aging and wrinkling. There are already powerful solutions to address light protection beyond UV, notably in the HEV and IR-A range, considering a first defense line strategy – i.e. avoiding any radiations to enter the skin, and this by using appropriate combi-nations of titanium dioxide UV filters and mica-based functional fillers (1), (2).

In this work we present a complementary approach targeting second defense line to address radical damages that nevertheless may occur in the skin following an over-exposure to HEV and/or IR radiations. Test candidates from different origin were selected to maximize performance: synthetic and biotechnological molecules, natural extracts. Substantiating the link between first defense and impact on relevant biochemical markers after a stress to HEV/IR-A was also in focus. Therefore, a system containing a titanium dioxide UV filter was also tested. The protective effect of the different ingredients against HEV (400-520 nm) and IR-A (760-1200 nm) radiations was investigated on living human skin explants by assessing following parameters: expression of Tropoelastin and MMP-1 for explants irradiated with IR; expression of MMP-1, 8-OhdG (reflecting the degree of oxidative damage to DNA), oxidized protein level, and Opsin-3 (working as a sensor for blue light in melanocytes and activating melanogenesis) for explants irradiated with HEV.

First results show very promising protective effects on irradiated explants treated with the different products vs. irradiated non-treated explants. For example, a natural extract with known cascading antioxidant properties protected Tropoelastin after IR-A irradiation and reduced Opsin-3 expression after HEV irradiation. A multi-talented synthetic antioxidant had a positive impact on all tested markers. Finally, an emulsion containing a broad-spectrum TiO2 UV filter could protect from oxidative damages in skin, thus validating the effectiveness of a first defense line strategy at the biological level.

Our global screening approach enabled us to identify how various active ingredients with different structure and origin can circumvent harmful effects of blue light and IR-A radiations. This paves the way for innovative solutions to fulfill justified increasing needs and wishes from consumer side to protect the skin more effectively against HEV and IR light, in addition to classical UVA/B protection.

(1)     Rozman V. et al., SOFW Journal 2017, 143 (9)

(2)     Lefort M. et al., IFSCC Magazine 2019, 22 (1)

Speaker

11:50 - 12:10

Sinerga – Eco sostenibilità nel mondo hair care attraverso l’utilizzo di materie prime innovative e orientate alla naturalità

Sostenibilità e naturalità non sono più prerogative del mondo skincare, ma si stanno diffondendo anche in altri segmenti, in crescita e sempre alla ricerca di innovazione, come l’hair care.

Per questo Sinerga fornisce un’ampia gamma di soluzioni naturali ed efficaci per la salute dei capelli:

Pea.Protein, blend di proteine idrolizzate a diverso peso molecolare che  proteggono il capello, aumentandone la resistenza alla rottura e con effetto ristrutturante.

Hair App, alternativa naturale non siliconica per mantenere i capelli lisci a lungo e allo stesso tempo prevenire i danni causati dal calore.

Tensioattivi biodegradabili: detergono delicatamente pelle e capelli senza nuocere all’ambiente.

Speaker

12:00 - 12:30

Focus sui metodi alternative in vitro: nuovi end-points tossicologici per la valutazione della sicurezza

L’uso dei test in vitro per la caratterizzazione dei profili tossicologici delle sostanze e delle miscele è un mezzo ormai consolidato, ma comunque in continua evoluzione. L’espansione delle conoscenze scientifiche, dei processi biologici cellulari e molecolari, la progressione delle tecnologie, insieme alla necessità di soddisfare i requisiti regolatori e di sicurezza del settore cosmetico, danno la spinta allo sviluppo di nuovi metodi per endpoint sempre più complessi e specifici. La letteratura scientifica e tecnica di settore si è arricchita nell’ultimo periodo di nuovi metodi per l’analisi tossicologica delle sostanze e delle miscele. La valutazione del potenziale di sensibilizzazione cutanea è stato per molto tempo un argomento con poche soluzioni tecniche scientificamente valide: oggi è disponibile un ventaglio di metodi validati e utilizzabili ai fini della classificazione. Le metodiche attuali dell’irritazione oculare consentono oggi la classificazione secondo i regolamenti vigenti ma anche una investigazione più fine nella categoria dei “mild irritant” più difficile da analizzare.

Ai fini della ricerca tossicologica oggi ci si può avvalere anche di protocolli che utilizzano dei sistemi di saggio in vitro per l’analisi del potenziale di tossicità per la riproduzione e per lo sviluppo, nonché per gli screening di eventuali attività di interferenti endocrini, in grado quindi di fornire informazioni utili anche rispetto a diversi possibili scenari espositivi.

Gli studi alternativi in vitro abbracciano inoltre anche il settore ambientale e consentono di approfondire la caratterizzazione dei prodotti non solo in termini di sicurezza per l’uomo, ma anche nei confronti degli ambienti acquatici e terrestri potenzialmente suscettibili di alterazioni significative nel tempo.

I metodi sperimentali in vitro si confermano quindi come uno strumento di indagine alleato nel settore cosmetico, in grado di proporre strategie investigative integrate con risultati adeguati, sensibili e precisi.

Speakers

12:00 - 12:30

Live Lab 12:00

12:00 - 12:30

Rigano Laboratories S.r.l – Packaging selection nella progettazione di nuovi mascara

Per la loro specifica, più comune, forma di confezionamento, ossia di piccolo flacone munito di pennello applicativo e raschiatore, i mascara richiedono una strategia di accoppiamento prodotto/contenitore molto accurata. Per quanto riguarda lo spazzolino, le condizioni di selezione devono tenere conto della quantità di prodotto residua sulle setole, della morbidezza e deformabilità delle stesse, delle spaziature tra le setole, della loro abbondanza e lunghezza. Il raschiatore, oltre a garantire la perfetta tenuta al vapore acqueo e alle molecole volatili della formulazione, ha il compito di lasciare sulle setole una quantità costante di prodotto, senza eccessi o mancanze, anche al variare della temperatura. L'asse del pennello deve per mettere una facile applicazione e pescare bene sul fondo del contenitore. Il flacone deve poter essere riempito facilmente ed essere svuotabile coerentemente. Tutti i materiali non devono porre rischi di allergia o irritazioné né di rilascio di plastificanti o metalli pesanti. Si ricava che l'accoppiamento formula/packaging deve risultare da 1) uno studio reologico accurato della formulazione, 2) un esame dei materiali del contenitore seguito da valutazioni d'uso adatte a evidenziare le migliori prestazioni. I metodi di selezione più accurati richiedono poi 3) uno studio sistematico relativo a forme e materiali dell'applicatore e 4) una prova su ciglia ricostituite. La selezione finale richiede valutazioni pratiche applicative sui prototipi selezionati da parte di un panel sensoriale esperto.

Speaker

12:10 - 12:30

Kalichem – Ricerca post biotica per la micro bellezza

Il microbiota cutaneo protegge la pelle da allergeni, fotoinvecchiamento, radicali e inquinamento. I batteri “buoni” “comunicano” tra loro e con la pelle attraverso i “Postbiotici”, molecole benefiche troppo complesse per essere sintetizzate. Kalichem promuove un progetto di ricerca mondiale, una nuova generazione di ingredienti biotecnologici, ottenuti da una biofermentazione “pulita” e brevettata che ottimizza la produzione dei Postbiotici. Kalichem e Postbiotica presentano Kalibiome la prima piattaforma di ingredienti Postbiotici che proteggono la pelle sensibile aumentandone le difese, regolano la responsività cutanea agendo contemporaneamente da potente e rivoluzionario fattore antiage.

14:00 - 14:40

Botanicals nei cosmetici e negli integratori alimentari: evidenze e carenze scientifiche

Speaker

  • Leonardo Celleno Dermatologist - Italian Association of Dermatology and Cosmetology
14:00 - 14:25

Ceramidi e loro evoluzione nello skin aging. I benefici della loro supplementazione con i trattamenti cosmetici.

Le ceramidi rappresentano un gruppo eterogeneo e complesso di sfingolipidi, rappresentati da derivati della sfingosina legati mediante legame ammidico ad una grande varietà di acidi grassi. Le ceramidi rappresentano i principali costituenti lipidici dello strato corneo, e sono strutturati in fogli paralleli che si collocano nella matrice intercellulare.

In condizioni fisiologiche, le ceramidi formano una struttura ordinata e sono responsabili della idratazione cutanea e della sua funzionalità barriera. Questa funzione dipende dalla struttura chimica delle ceramidi, ma anche dal loro stato fisico e dalle proprietà chimico-fisiche a temperatura corporea.

Una deplezione nel contenuto totale di ceramidi, osservato in diverse disfunzioni cutanee, è associata ad una diminuzione della funzione barriera. Una riduzione del contenuto in ceramidi è osservato anche nella cute invecchiata, con conseguente alterazione dello stato di idratazione cutaneo.

La supplementazione di ceramidi può migliorare la condizione della cute, anche attraverso l’apporto di ceramidi fitoderivate. Questa comunicazione intende fornire delle evidenze sperimentali circa i bnenefici derivanti dalla supplementazione di ceramidi per via cutanea e orale sulla cute danneggiata e sulla cute invecchiata.

Speaker

14:00 - 14:25

FARMACEUTICA E COSMECEUTICA NELLA CORSA VERSO LA TERAPIA PERSONALIZZATA – MOLTO DA FARE E MOLTO DA IMPARARE

Così come in qualsiasi settore dell’industria i clienti sono molto attenti a quello che consumano, anche nel settore sanitario i pazienti sono sempre più attenti alle terapie/approcci terapeutici a cui vengono sottoposti. L'attenzione e le conoscenze personali del paziente stanno cambiando l'approccio dell'industria farmaceutica allo sviluppo di soluzioni innovative. Non è più solo una questione di efficacia del prodotto. I pazienti si aspettano servizi migliori e personalizzati e si aspettano anche risultati migliori. La richiesta è sempre più verso un approccio terapeutico unico e personalizzato perché ciascun soggetto è unico e non può e non deve essere gestito in modo standard.

Non è questo, forse, molto familiare a chi si occupa di cosmeceutica? La centralità del consumatore nello sviluppo dell'innovazione cosmetica è una realtà consolidata ed è da tempo una necessità non negoziabile con conseguenze fondamentali sia per la ricerca che per le strategie di commercializzazione dei prodotti.
Solo come esempio si potrebbe menzionare la risposta individuale della pelle umana allo stress ambientale e come queste risposte siano determinate dalle differenze nell'anatomia e nella fisiologia che sono strettamente legate alle caratteristiche genetiche come la pigmentazione .

In questo relazione affronteremo e discuteremo come il mondo farmaceutico puo’ far leva su questo approccio e quali sono i vantaggi di conoscere le esigenze specifiche (e la diversa risposta a trattamenti specifici) di ciascun indivisuo.

Speaker

  • Serena Tongiani Chief Scientific Officer - ACRAF, (Aziende Chimiche Riunite Angelini Francesco)
14:00 - 14:20

LCM – Bicoalgae XT

Bicoalgae® XT è un attivo naturale per la pelle con straordinarie proprietà anti-invecchiamento, prodotto tramite un eco-bioprocesso che incrementa la produzione di astaxantina naturale della microalga H. pluvialis. L’attivo,stabilizzato e incorporato in un innovativo sistema di veicolazione, viene trasportato negli strati epidermici profondi ove svolge la sua azione.
Bicoalgae® XT si è dimostrato efficace nella riparazione di rughe, nell’aumento della compattezza, luminosità e nell’incremento della funzione di barriera cutanea. Il suo utilizzo induce anche un'intensa disintossicazione accelerando il rinnovamento cellulare e aumentando la capacità antiossidante della pelle. Inoltre, protegge la pelle dalla luce blu dei dispositivi elettronici e impedisce la penetrazione di particelle inquinanti.
Bicoalgae® XT dimostra ancora una volta quanto la Scienza possa costituire un connubio virtuoso con ciò che la Natura ci offre e fornirci prodotti innovativi per l’applicazione cosmetica.

Speaker

14:00

Live Demo 14:00 – L’utilizzo della microbiologia rapida in cosmetica: “una best practice”

Dal crisis management all’implementazione di una nuova tecnologia:

  • Da dove siamo partiti e le ragioni di questa scelta

Proseguendo con:

  • La strategia di utilizzo della tecnologia
    Best practice perché?

Speakers

14:20 - 14:40

Safic Alcan – Navigando sulla tendenza J-Cosmetofood con Wamino-Bonbon, una miscela sinergica di fecce di sake e zuccheri raffinati per migliorare le condizioni della pelle

La J-Cosmetofood (J indica il Giappone) è uno dei trend in crescita in Europa. Questo è il motivo per cui Ichimaru Pharcos ha recentemente lanciato Wamino-Bonbon, una miscela unica di pregiate fecce di sake e melassa di zucchero altamente raffinato. Le fecce di sake sono residui solidi bianchi del metodo tradizionale utilizzato per preparare il sake. Gli zuccheri Wasanbon sono preparati usando antichi metodi di estrazione dalle canne da zucchero coltivate in alcune aree specifiche del Giappone. Wamino-Bonbon è in linea con le tendenze dello sviluppo sostenibile, nel senso che i resti dei processi di preparazione di bevande e alimenti vengono riciclati.

L'unicità di questa miscela sinergica di due materiali tradizionali risiede nella sua composizione che comprende vitamine (come vitamina B2), aminoacidi (acido glutammico, acido aspartico, leucina e arginina) e zuccheri.

In un test in vivo, una lozione contenente 1% di Wamino-Bonbon ha mostrato un significativo miglioramento dell'idratazione e della densità della pelle dopo solo una settimana.

 

Speaker

14:30 - 14:55

Formulare per la resilienza cutanea

In psicologia, resilienza è la capacità di affrontare gli eventi stressanti o traumatici e di riorganizzare in maniera positiva la propria vita dinanzi alle difficoltà. Per un materiale, la resilienza è la proprietà di resistere a un urto, assorbendo l'energia in modo elastico. Anche per la pelle si può parlare di resilienza come capacità di autoproteggersi dagli insulti esterni e di autoripararsi. Queste attitudini si indeboliscono con il passare del tempo e ancor più con la menopausa.

I cosmetici formulati per rafforzare la resilienza cutanea propongono un approccio proattivo all'invecchiamento che sostiene e valorizza la bellezza della pelle matura.

Speaker

14:30 - 15:00

IL PROFUMO CON LEONARDO – seconda parte

 

Ispirati da alcune opere di Leonardo, un approfondimento per descrivere la creazione delle fragranze e i principi della creatività sui quali si basa l’arte essenziera.  Un completamento della prima parte per rendere il seminario olfattivo ancora più esaustivo.

Speaker

14:30 - 15:00

Live Lab 14:30

14:30 - 14:55

Nuove strategie nel trattamento dei disagi cutanei: AZIONE SELETTIVA NEL TRATTAMENTO DELL’ACNE

 

L'acne vulgaris è comune durante l'adolescenza e deriva dall'aumento della produzione di sebo, dall'alterazione della cheratinizzazione all'interno del follicolo, dalla colonizzazione da parte del Propionibacterium acnes e dall'infiammazione. L'uso di dermocosmetici può fornire benefici significativi tra cui il miglioramento dell'acne, l'alleviamento degli effetti collaterali associati ad altri trattamenti dell'acne e una maggiore aderenza alla terapia farmacologica. La nuova crema per il viso SPF 30 è stata sviluppata come protezione quotidiana e trattamento adiuvante per la pelle a tendenza acneica e/o affetta da acne.

La miscela brevettata di Salix Alba e 1,2 Decanediol fornisce effetti anti-infiammatori, riduzione dei livelli di P. acnes e produzione di sebo. È stata sviluppata un'associazione selettiva di filtri UV per fornire effetti benefici sulla pelle incline  e/o affetta da acne.

Speaker

  • Marco Demuras R&D Coordinator - Meda Pharma SPA, a Mylan Company
14:40 - 15:00

Eico Novachem – Flor’Innov: Gli attivi Floreali per la regolazione del ritmo circadiano e la protezione del microbiota

Flor’Innov è un’innovativa linea di attivi naturali in forma liquida, approvati secondo la normativa Cosmos, estratti da fiori provenienti dalla Provenza. Grazie all’efficacia testata, questi attivi sono in grado di proteggere la pelle dagli attacchi di agenti esterni, garantendo una corretta idratazione e un corretto bilanciamento del microbiota cutaneo. L’incremento della protezione ai raggi UVA e UVB, raggiunto agendo su livelli differenti, permette il ripristino e la riattivazione del corretto ciclo biologico cellulare. Gli effetti sul rallentamento dell’invecchiamento cutaneo, sono immediatamente visibili con la riduzione di fastidiosi inestetismi della pelle, in particolar modo, delle occhiaie.

14:40 - 15:20

Ruolo dei prodotti salutistici ed erboristici da fonti vegetali sostenibili nei cosmetici ed integratori alimentari

Speaker

15:00 - 15:20

Biochim – Epidermal jetlag®: cos’ è e come combatterlo

15:00 - 15:30

Formulazione e Ingegnerizzazione del processo produttivo di prodotti per labbra

Speaker

15:00

Live Demo 15:00 – “Production of face cream”

15:00 - 15:25

SOLUZIONI INNOVATIVE DALLE STRATEGIE EVOLUTIVE DELLE PIANTE

Non soltanto in epoca moderna l’uomo impara dalle piante e ne utilizza le virtù. Il laboratorio della Natura da 4 milioni di anni offre un patrimonio senza fine di spunti all’innovazione efficienti dal punto di vista energetico, non tossici e consistenti. In questo lavoro seguiremo uno degli esempi più rappresentativi delle grandi capacità di adattamento di una pianta che viene dal nord e le cui proprietà sono state utilizzate, fin dai tempi più antichi, da vari popoli come Greci, Vichinghi, Cinesi ed altri. Questa pianta si è adattata ad un ambiente ostile (temperature di -10°C, altitudini tra 4 e 5000m) e ha sviluppato una collezione unica di metaboliti secondari che vengono espressi nelle sue radici. Secondo il concetto di Biomimentica (da “bios=vita” and “mimesis=imitazione”) – l’arte e la scienza di osservare gli organismi viventi – scoprire strategie che resistono al passare del tempo ed applicarle alle nostre sfide sarà mostrato prendendo in considerazione le principali scuole di pensiero sul complesso processo dell’invecchiamento, proponendo un complemento per ciascuna di esse.

Speaker

15:00 - 15:25

Test in vitro per la valutazione dell’attività anti-aging di prodotti cosmetici

L'invecchiamento cutaneo è un processo biologico causato da una serie di fattori endogeni ed esogeni che portano all’alterazione delle normali condizioni della pelle. Ciò viene maggiormente accentuato dall’esposizione a radiazioni solari (in particolar modo raggi UV), al fumo di sigaretta e all’inquinamento atmosferico che, stimolando la formazione di specie reattive dell’ossigeno, provocano danni a livello cellulare. Questo ha spinto l’industria cosmetica allo sviluppo di prodotti che andassero a limitare i danni proteggendo la cute. È quindi necessario effettuare test che permettono la valutazione di questi claim al fine dell’immissione del prodotto sul mercato. Nel corso degli anni, essendo vietata la sperimentazione animale per ingredienti e prodotti cosmetici finiti (regolamento europeo 1223/2009), sono state sviluppate diverse metodiche alternative all’uso di animali che garantissero la sicurezza e l’efficacia del prodotto stesso. Fra queste, vi sono i metodi in vitro eseguiti su colture cellulari e tessuti umani ricostruiti, approcci che permettono di analizzare il campione in base alle sue specifiche proprietà ed applicazioni effettuando una valutazione preliminare della sua efficacia.

Speaker

15:20 - 15:35

Domande

15:20 - 15:40

Res Pharma – La sostenibile bellezza nelle formulazioni cosmetiche

L’identikit del cosmetico del futuro è un prodotto che si prende cura della pelle ma anche del pianeta e delle persone.
Sono sempre di più i fattori ambientali e sociali che condizionano l’acquisto dei cosmetici. L’attenzione per lo stato di salute del pianeta e della propria pelle orienta il consumatore verso prodotti che la proteggono e ne comprovano le funzioni di cura, ma che sono anche rispettosi dell’ambiente e aggiungono un valore etico.
Cresce così l’interesse per formulazioni e texture che coniugano funzionalità, sostenibilità dell’approvvigionamento degli ingredienti e attenzione all’impatto ambientale e sociale.
Scopri la nostra formula della bellezza sostenibile: “Protect Your Skin-Protect Your Planet”!

Speaker

15:30 - 16:00

Live Lab 15:30

15:30 - 15:55

RIFLESSIONI SUL TEMA DELL’INVECCHIAMENTO – Antichi bisogni incontrano nuove soluzioni

Contrastare gli effetti dell’invecchiamento è sempre stato un argomento scottante per il consumatore e negli anni abbiamo visto il pullulare di linee cosmetiche che proponevano modelli che facevano riferimento al mito dell’eterna giovinezza. Nel tempo però la percezione dell’avanzare dell’età è mutata, l’aspettativa di vita si sta allungando e i consumatori scoprono come essere loro stessi anche negli “anta”, immersi nella vita reale e con il bisogno di viverla al meglio. Nello sviluppo e nella comunicazione sta emergendo un nuovo approccio che valorizza e spiega come il cosmetico può essere un valido supporto per la pelle matura e per i cambiamenti connessi coi processi dell’invecchiamento.

 

Speaker

15:30 - 16:00

Sostenibile e performante. La sfida per le emulsioni nel make-up

Speakers

15:35 - 16:15

I botanicals nell’industria cosmetica

Speaker

15:40 - 16:00

Solvay – Goditi le trame trasformanti e la formulazione personalizzabile

Trasformare trame e formulazioni personalizzabili sta guadagnando slancio nel settore della cura personale. Per rispondere alle esigenze del mercato, Solvay ha offerto 2 prodotti innovativi:

- Miracare ® OGE - un nuovo sistema emulsionante che consente una multifunzionalità e una formulazione innovativa di trame con un bel profilo sensoriale. Ti aiuterà a formulare un'emulsione trasparente con un'alta fase interna (emulsionare fino all'80% di olio) e ti aiuterà a sviluppare trame innovative o nuovi formati.

- Rheozan ® SH - un polimero naturale che offre un'eccellente sensazione sulla pelle (liscia / non appiccicosa, post-vellutata) con eccellenti proprietà emulsionanti che consentono la formulazione di prodotti per la cura della pelle naturali e piacevoli dal punto di vista sensoriale che soddisfano la domanda dei consumatori

Speaker

16:00 - 16:20

INT.E.G.RA – Nuovi trend nella raccolta e gestione delle informazioni sul prodotto cosmetico in R&D, Produzione e Regulatory

16:00 - 16:25

La sfida della longevità cutanea

Oggi si sente parlare di longevità e di antiaging soprattutto a livello di skin care. Trattasi soltanto di marketing ? Fortunatamente no.

L' epidermide è lì che aspetta ingredienti razionali e scientificamente validati che possano aiutarla a stabilizzare la sua  omeostasi  e proteggersi dagli attacchi ''esposomici''.

16:00 - 16:30

Polveri Ibride: Nuove frontiere sensoriali ed applicative del make-up decorativo.

Speaker

16:00 - 16:25

VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA DEL PRODOTTO COSMETICO MEDIANTE APPROCCIO ANALITICO SUL PACKAGING PRIMARIO IN MATERIA PLASTICA

Speakers

16:15 - 16:35

I botanicals e il packaging

“Botanicals” è un termine che indica la provenienza di una sostanza dal regno vegetale e che può trovare applicazione in ambiti quali l’alimentare e il cosmetico. Gli estratti naturali possono però interagire con il packaging primario, causando una modifica delle caratteristiche di qualità, e a volte della sicurezza, del prodotto stesso. Verranno trattate le principali interazioni tra i diversi componenti degli estratti di uso più comune con i materiali polimerici costituenti il packaging principale.

Inoltre, l’attuale stato di consapevolezza delle varie problematiche ambientali impone un comportamento mirato alla sostenibilità. Da qui diverse tipologie di bioplastiche si stanno affacciando sul mercato per la produzione di packaging tra cui quelle a base di esteri cellulosici, derivati dell’amido, quali poliidrossibutirrato, acido polilattico e policaprolattone, che sembrano associare all'elevata biodegradabilità un’ottima proprietà barriera e relativamente elevata stabilità termica.

Speaker

  • Paola Perugini PhD, Dipartimento di Scienze del Farmaco - Università di Pavia
16:25 - 17:00

IL RUOLO DEL DISTRIBUTORE NELL’OTTICA DI UN FUTURO SOSTENIBILE

ASSICC, Associazione Italiana Commercio Chimico, da oltre 70 anni rappresenta il punto di riferimento per le aziende che operano nell’ambito del commercio e distribuzione di prodotti chimici.
AssICC sponsorizza il programma di ‘Responsible Care’, che si propone di aiutare il settore della chimica ad operare in modo sicuro verso le generazioni future, per perseguire in maniera equilibrata lo sviluppo ambientale, sociale ed economico.
All’interno di questo contesto Eurosyn, socio attivo dall’anno 2000, è impegnata nel perseguire una politica di sostenibilità sia all’interno dei diversi comparti aziendali che verso la propria clientela, con un catalogo per il mercato cosmetico nel quale oggi spiccano soluzioni naturali ed ecosostenibili.
Parallelamente, grazie alle soluzioni tecnologiche oggi disponibili ed al pieno coinvolgimento di tutto l’organico, Eurosyn ha iniziato un percorso mirato alla progressiva scomparsa all’interno dell’azienda di materiali non ecosostenibili.

Speaker

16:25 - 16:30

SICC – Chiusura

Speaker

16:35 - 17:15

L’uso dei botanicals nei prodotti cosmetici: obblighi regolatori, claim e comunicazione pubblicitaria

Negli ultimi decenni la richiesta di “naturalità” da parte del mercato è diventata sempre più significativa, portando il consumatore a modificare le sue abitudini di vita e ad essere sempre più attento, anche nell’acquisto di cosmetici, alla composizione dei prodotti. Presupposto preliminare e imprescindibile, è che il prodotto connotato come naturale sia, prima di tutto, conforme al Regolamento (CE) n. 1223/2009, con particolare riguardo ai requisiti di composizione, sicurezza, efficacia ed etichettatura.
Scopo della presentazione sarà da una parte quello di analizzare le strategie di comunicazione, attraverso una corretta applicazione dei criteri di liceità, senza incorrere nel rischio di ingannevolezza e fornendo al consumatore informazioni credibili ma soprattutto veritiere, oltre a valutare gli obblighi imposti dai regolamenti REACH e CLP per queste sostanze impiegate nelle formulazioni cosmetiche.

Speakers

17:15 - 17:30

Discussione e chiusura della giornata

Speakers